The Tragic Story of Jeanne Hébuterne and Modigliani

Amedeo Modigliani painted mainly portraits. Many of which are portraits of young, charming women. This painter had different muses and they were often lovers too.

Nevertheless, the most important woman in Modi’s life was Jeanne Hébuterne, that is portrayed in many of his canvases.

She was born in 1898 and she posed as a model for different painters: the beauty and perfection of her face gave her the nickname “Noix the coco” (coconut). Jeanne got to know Modigliani in 1917 during her apprenticeship as a painter. She felt in love with him and give a daughter to the artist one year later. Because of the health problems of the painter, the couple moved to Nizza but they came back to Paris some months later.

As Modigliani was fastly becoming famous, he decided to marry Jeanne who was already pregnant of their second son. Unfortunately, in 1920, Amedeo Modigliani died of tubercolosis at the age of 35.

The young Jeanne, desperate for his death, was taken back to her father’s home. She committed suicide, throwing herself down of the balcony, one day after. She died immediately, with the 8 months pregnant baby she had in her belly.

Her parents, who were against her relationship with the italian painter, decided to bury her far away from her love. Their bodies were reunited in 1930. On the grave of Modigliani it is written in italian: “death reached him while glory was coming” and under the name of Jeanne Hébuterne “devoted to the extreme sacrifice”.

Do you like Modigliani? Help us to realize the impossible exhibition!

hebuterne modigliani

Durante la sua carriera artistica Amedeo Modigliani dipinse soprattutto ritratti; di questi, la maggior parte sono di giovani donne, alcune molto avvenenti.

Le muse di questo pittore, come spesso capitava anche per altri artisti, erano spesso anche sue amanti. Tra tutte le donne di Modì, la più importante fu sicuramente Jeanne Hébuterne, che troviamo ritratta in numerose tele.

Nata nel 1898, posò come modella per vari pittori: la bellezza del suo viso le valse il soprannome di Noix de coco (noce di cocco). La storia vuole che conobbe Modigliani nel 1917, durante il suo apprendistato come pittrice, e se ne innamorò perdutamente.

I due ebbero una figlia un anno dopo, anch’essa chiamata Jeanne, anche se l’artista non la riconobbe come sua. I tre si trasferirono a Nizza per via della cagionevole salute di Modigliani, che soffriva di tisi e tornarono poco dopo a Parigi.

Poiché gli affari andavano bene, Modigliani si impegnò a sposare la sua Jeanne, già incinta del loro secondo figlio. Ma nel 1920, all’età di 35 anni, Amedeo Modigliani si spense per una complicazione della sua malattia.

La donna, disperata, fu portata nella casa paterna. Il giorno dopo Jeanne si gettò da una finestra, morendo sul colpo assieme al figlio che portava in grembo. I suoi genitori, contrari alla sua relazione con il pittore italiano, decisero di seppellirla lontano da lui.

I resti di Jeanne furono ricongiunti con quelli di Modigliani solo nel 1930. Sulla tomba di Modigliani, presso il cimitero Père Lachaise di Parigi, c’è scritto: “morte lo colse quando giunse alla gloria” e sotto al nome di Jeanne Hébuterne “compagna devota fino all’estremo sacrifizio”.

Ti piace Modigliani? Aiutaci a realizzare la esposizione impossibile!